Condividi
Preferiti
Crea itinerario fino qui
Fitness
Via ferrata

Ferrata dei Campanili

· 1 recensione · Via ferrata · Dolomiti Rosengarten
Responsabile del contenuto
APT Val di Fiemme Partner verificato  Explorers Choice 
  • Le pareti del Latemar
    / Le pareti del Latemar
    Foto: A. Campanile, APT Val di Fiemme
  • / I Campanili del Latemar
    Foto: A. Campanile, APT Val di Fiemme
  • / Il panorama sul Rosengarten
    Foto: A. Campanile, APT Val di Fiemme
  • / La ferrata
    Foto: A. Campanile, APT Val di Fiemme
  • / In direzione Forcella dei Campanili
    Foto: A. Campanile, APT Val di Fiemme
m 3000 2800 2600 2400 2200 2000 1800 14 12 10 8 6 4 2 km Forcella Valsorda Bivacco E. Rigatti Rotlahnscharte TORRE DI PISA TORRE DI PISA Forcella Valsorda Zischgalm

Scenografica e spettacolare ferrata che attraversa le Torri del Latemar

media
15,3 km
8:00 h.
1250 m
1250 m

Questa escursione richiede tante ore, una buona condizione fisica e molta resistenza. La fatica è ripagata dagli incredibili panorami verso il Lago di Carezza e il Catinaccio che si stagliano attraverso le grandi torri.

Siamo nel cuore del gruppo del Latemar, nelle Dolomiti Patrimonio Unesco, zone dalla bellezza disarmante.

La ferrata è solo una parte del percorso che, piuttosto affollato all’inizio, sarà decisamente meno frequentato nei pressi del sentiero attrezzato. L’escursionista attraverserà sentieri tra i pascoli, tratti ghiaiosi, grandi massi e scalini nel terreno e su roccia friabile.

Consiglio dell'autore

Per rendere l’uscita un po’ meno impegnativa è consigliabile pernottare al rifugio Torre di Pisa e partire da lì direttamente!

outdooractive.com User
Autore
APT Val di Fiemme
Ultimo aggiornamento: 31.03.2020

Difficoltà
A/B media
Tecnica
Impegno fisico
Emozione
Paesaggio
Punto più alto
2758 m
Punto più basso
2016 m
Periodo consigliato
gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic
Rispetto ai punti cardinali
NOSE

Possibilitá di ristoro

TORRE DI PISA
Zischgalm
Ganischger Alm (Baita Gardonè)
Rifugio Passo Feudo

Consigli di sicurezza

Un passaggio difficile su roccia (I grado), senza cavi di sicurezza, nell'ultimo tratto della ferrata. Breve discesa su scala, ripida ed esposta, seguita da attraversamento aereo sucavo di acciaio e salita esposta (cavo di acciaio).

 

LE 10 REGOLE PER GLI ESCURSIONISTI  

  1. Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  2. Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  3. Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  4. Consultate il bollettino metereologico
  5. Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  6. Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  7. Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  8. Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  9. In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  10. In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Attrezzatura

Set da ferrata completo, casco, scarponcini e bastoncini da montagna, giacca impermeabile, crema solare, cibo e acqua.

Ulteriori informazioni e link

www.visitfiemme.it  

www.latemar.it  

Inizia

Pampeago (2015 m)
Coordinate:
Geografico
46.350744, 11.547646
UTM
32T 696017 5136173

Arrivo

Pampeago

Indicazioni percorso

Da Pampeago si prende la seggiovia Latemar (aperta da metà giugno a inizio settembre). Dall’arrivo della seggiovia (2010 m.) si imbocca il sentiero n° 521 in direzione Passo Feudo (2.175 m.). Il Passo Feudo è raggiungibile anche con la cabinovia di Predazzo e la seggiovia Gardonè – Passo Feudo (aperti da metà giugno a metà settembre). Dal Passo si segue il sentiero n° 516 che porta al rifugio Torre di Pisa (2.671 m.). Appena superato il rifugio, proseguendo sul sentiero n° 516 si può ammirare sulla sinistra la Torre di Pisa, uno sperone di roccia che pende come l’omonima torre toscana. 

Si continua sul sentiero n° 516 verso Forcella dei Camosci, (2.590 m) e si prosegue fino a raggiungere la Forcella dei Campanili (2685 m). Qui inizia la Via Ferrata dei Campanili (segnavia nr° 511) che porta al Bivacco Rigatti (2620 m).

Da qui, attraverso il sentiero nr° 18, si rientra dapprima verso la Forcella dei Campanili per poi arrivare al Rifugio Torre di Pisa e scendere infine alla seggiovia.  

Nota


tutte le segnalazioni dell´area protetta

Mezzi pubblici

Pampeago è raggiungibile in autobus da Tesero.

Gli impianti di risalita di Predazzo sono raggiungibili in autobus da tutti i paesi della Val di Fiemme

Come arrivare

Pampeago è raggiungibile dal paese di Tesero.

Gli impianti di Predazzo si trovano sulla strada che collega Predazzo con Moena (Val di Fassa).

Dove parcheggiare

Parcheggio impianti di risalita di Pampeago e Predazzo 
Come arrivare in treno, in auto, a piedi o in bici.

Mappe consigliate

Tabacco – Val di Fiemme, Lagorai, Latemar N° 14

Kompass – Val di Fiemme, Catena del Lagorai N° 618

Itinerari consigliati nei dintorni

 Questi consigli sono stati generati automaticamente dal sistema.

Domande e risposte

Fai la prima domanda

Vuoi chiedere qualcosa?


Recensioni

3,0
(1)
Karl Bangel
31.07.2019 · Community
wir haben zu zweit die Tour netto in 6:30 gemacht. Die Leiter ist wohl durch Krampen ersetzt worden. Die vorhandenen Drahtseile sind manchmal etwas locker. Doch grundsätzlich fanden wir die ungesicherten Stellen oft sehr rutschig, weil das Gestein sehr brüchig ist. Vorsichtig beim Gehen ist also geboten.
Visualizza di più
Fatto il 30.07.2019

Foto di altri utenti


Recensione
Difficoltà
A/B media
Lunghezza
15,3 km
Durata
8:00h.
Dislivello
1250 m
Discesa
1250 m
Percorso ad anello Panoramico Ristori lungo il percorso Interesse geologico Impianti di risalita/discesa Via ferrata classica

Statistiche

: ore
 km
 m
 m
Punto più alto
 m
Punto più basso
 m
Mostra il profilo altimetrico Nascondi il profilo altimetrico
Muovi le frecce per aumentare il dettaglio